La 'Tavola delle possessioni' come fonte per lo studio del territorio: l'esempio di Castelnuovo dell'Abate