La soggettività nell’interazione uomo-macchina