Il saggio contestualizza e analizza stilisticamente i ventun mottetti a quattro e cinque voci trascritti nell'antologia, che sono opera di quattro rilevanti compositori di scuola romana tra XVII e XVIII secolo: Orazio Benevoli (1605-1672), Giuseppe Ottavio Pitoni (1657-1743), Pompeo Cannicciari (1666-1744) e Giovanni Giorgi (ca. 1690-1762). Sono offerte le biografie degli autori e si commentano i tratti salienti delle opere pubblicate.

I mottetti di scuola romana tra Sei e Settecento / Gozzi, Marco. - STAMPA. - (2022), pp. 9-25.

I mottetti di scuola romana tra Sei e Settecento

Gozzi, Marco
2022-01-01

Abstract

Il saggio contestualizza e analizza stilisticamente i ventun mottetti a quattro e cinque voci trascritti nell'antologia, che sono opera di quattro rilevanti compositori di scuola romana tra XVII e XVIII secolo: Orazio Benevoli (1605-1672), Giuseppe Ottavio Pitoni (1657-1743), Pompeo Cannicciari (1666-1744) e Giovanni Giorgi (ca. 1690-1762). Sono offerte le biografie degli autori e si commentano i tratti salienti delle opere pubblicate.
2022
Gianotti, Roberto
Mottetti a quattro voci di scuola romana: Orazio Benevoli (1605-1672), Giu-seppe Ottavio Pitoni (1657-1743), Pompeo Cannicciari (1666-1744), Giovanni Giorgi (ca. 1690-1762). Edizione critica di Roberto Gianotti con un saggio di Marco Gozzi
Trento; Lucca
Centro di eccellenza Laurence K. J. Feininger - Libreria Musicale Italiana
9788855431699
Gozzi, Marco
I mottetti di scuola romana tra Sei e Settecento / Gozzi, Marco. - STAMPA. - (2022), pp. 9-25.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11572/363607
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact