Le impugnazioni delle delibere del c.d.a.: premesse storico-comparatistiche