Azioni, variazioni e cambiamento: la nascente prospettiva anti-essenzialista in antropologia