Sazi da morire: soggettività e immagini del mondo in Max Weber