Costituzionalismo antico, istituzioni rappresentative e «stato moderno»: una rivisitazione storiografica