La ricerca del volgare illustre in Dante è strettamente correlata al sogno politico di un’unità territoriale che contempli una pluralità di ordinamenti e un principio direttivo unico. Il bilinguismo è lo specchio linguistico di questo quadro istituzionale. Se il latino è la lingua con cui comunicano tra loro i popoli che sono sotto lo stesso imperio (comando), il volgare illustre è per Dante la lingua di comunicazione del “giardino dell’imperio” (Italia). Un programma enunciato nel De vulgari eloquentia e realizzato compiutamente nella Commedia, opera nella quale Dante descrive con perizia lo spazio geografico e urbano della penisola italica e dell’Europa latina e volgare (seppure parziale). Allo stesso tempo il poeta immagina e descrive lo spazio metafisico e ultramondano. Il neonato Purgatorio diventa con Dante un’entità topografica oltre che teologica. La struttura, le misure e le proporzioni dell’Aldilà sono descritte come se si trattasse di spazi geografici. Questo “visibile parlare” ha permesso a Botticelli di rappresentare nel dettaglio la struttura dell’Inferno; ha spinto il giurista Alberico da Rosciate a introdurre i termini Infernus, Paradisus e soprattutto Purgatorium nel suo Dictionarium utriusque iuris.

The search for the illustrious vernacular in Dante is closely related to the political dream of a territorial unit that contemplates a plurality of systems and a single governing principle. Bilingualism is the linguistic mirror of this institutional framework. If Latin is the language with which the people who are under the same empire (command) communicate with each other, the illustrious vulgar is for Dante the language of communication of the “garden of the empire”. A program is enunciated in De vulgari eloquentia and fully realized in the Commedia, a work in which Dante expertly describes the geographic and urban space of the Italian peninsula and, at the same time, imagines the metaphysical one. The newborn Purgatory becomes with Dante a topographical entity. Dante describes the structure, the measures the proportions of an afterlife as if it were geographic spaces. This “visible talk” led Botticelli to represent the structure of Hell in detail; he pushed the jurist Alberico da Rosciate to introduce the terms Infernus, Paradisus and above all Purgatorium in his Dictionarium utriusque Iuris.

Lingua e geopolitica presso Dante / Di Fonzo, Claudia. - STAMPA. - 26:(2021), pp. 273-292.

Lingua e geopolitica presso Dante

Di Fonzo, Claudia
2021-01-01

Abstract

La ricerca del volgare illustre in Dante è strettamente correlata al sogno politico di un’unità territoriale che contempli una pluralità di ordinamenti e un principio direttivo unico. Il bilinguismo è lo specchio linguistico di questo quadro istituzionale. Se il latino è la lingua con cui comunicano tra loro i popoli che sono sotto lo stesso imperio (comando), il volgare illustre è per Dante la lingua di comunicazione del “giardino dell’imperio” (Italia). Un programma enunciato nel De vulgari eloquentia e realizzato compiutamente nella Commedia, opera nella quale Dante descrive con perizia lo spazio geografico e urbano della penisola italica e dell’Europa latina e volgare (seppure parziale). Allo stesso tempo il poeta immagina e descrive lo spazio metafisico e ultramondano. Il neonato Purgatorio diventa con Dante un’entità topografica oltre che teologica. La struttura, le misure e le proporzioni dell’Aldilà sono descritte come se si trattasse di spazi geografici. Questo “visibile parlare” ha permesso a Botticelli di rappresentare nel dettaglio la struttura dell’Inferno; ha spinto il giurista Alberico da Rosciate a introdurre i termini Infernus, Paradisus e soprattutto Purgatorium nel suo Dictionarium utriusque iuris.
2021
Acerenza, G.; Reguigui, A.; Boissonneault, J.; Regattin, F.; El-Bacha, M. M.; dos Santos, R.; Acquaviva, J; Favart, F.; Yermeche, O.; Ahmed Boualili, A.; Rigaux-Pirastru, B.; Dokhtourichvili, M.; Gauthier, V.; Hien, A.; Laflamme, S.; Vargas, E.; Abakelia, N.; Di Fonzo, C.; Nitti, P.; Henriques, E.
Tours et contours de la traduction
Sudbury
Laurentian University
978-0-88667-120-4
Di Fonzo, Claudia
Lingua e geopolitica presso Dante / Di Fonzo, Claudia. - STAMPA. - 26:(2021), pp. 273-292.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Table des matières - Tours et contours de la traduction.pdf

accesso aperto

Descrizione: Copertina ed Indice
Tipologia: Altro materiale allegato (Other attachments)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 139.39 kB
Formato Adobe PDF
139.39 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
LINGUA E GEOPOLITICA PRESSO DANTE con copertina.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (Publisher’s layout)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 3.72 MB
Formato Adobe PDF
3.72 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11572/325870
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact