La Guerra Decennale (1118-1127), combattuta fra le città di Como e Milano, il cui racconto è giunto sino a noi grazie all’opera di un ignoto poeta comasco contemporaneo ai fatti, l’Anonimo Cumano, offre svariati spunti di ricerca fra cui la possibilità di analizzare la militarizzazione ed il cambiamento di alcune aree interessate dal conflitto. Tutto ciò è reso possibile tramite lo studio di alcuni scenari bellici ed è doveroso evidenziare come questo sia innanzitutto fonte di informazione per la ricerca storica e archeologica e permette di restituire il fenomeno-guerra come un critico vettore di cambiamento del paesaggio geografico in termini di ‘impronte’ antropiche pervasive e profonde. Per di più, la disponibilità di fonti archivistiche, a cominciare dal "Liber Cumanus, sive de bello mediolanensium adversus comenses", edito per la prima volta da L.A. Muratori nella sua opera "Rerum Italicarum Scriptores", contiene svariati indizi in merito alla strutturazione militare dell’area, permettendo così di ricostruire la nascita o il cambiamento di alcuni sistemi bellici basati in primo luogo sull’edificazione o riattivazione di strutture difensive collegate fra loro sotto il comando dell’Isola Comacina.

La militarizzazione del Lario Occidentale nel XII secolo: l’Isola Comacina e le relative strutture difensive durante la Guerra Decennale (1118-1127) / Colagrande, Andrea. - (2021), pp. 334-339. ((Intervento presentato al convegno VII Ciclo di Studi Medievali tenutosi a Firenze nel 7-10 giugno 2021.

La militarizzazione del Lario Occidentale nel XII secolo: l’Isola Comacina e le relative strutture difensive durante la Guerra Decennale (1118-1127)

Colagrande, Andrea
2021

Abstract

La Guerra Decennale (1118-1127), combattuta fra le città di Como e Milano, il cui racconto è giunto sino a noi grazie all’opera di un ignoto poeta comasco contemporaneo ai fatti, l’Anonimo Cumano, offre svariati spunti di ricerca fra cui la possibilità di analizzare la militarizzazione ed il cambiamento di alcune aree interessate dal conflitto. Tutto ciò è reso possibile tramite lo studio di alcuni scenari bellici ed è doveroso evidenziare come questo sia innanzitutto fonte di informazione per la ricerca storica e archeologica e permette di restituire il fenomeno-guerra come un critico vettore di cambiamento del paesaggio geografico in termini di ‘impronte’ antropiche pervasive e profonde. Per di più, la disponibilità di fonti archivistiche, a cominciare dal "Liber Cumanus, sive de bello mediolanensium adversus comenses", edito per la prima volta da L.A. Muratori nella sua opera "Rerum Italicarum Scriptores", contiene svariati indizi in merito alla strutturazione militare dell’area, permettendo così di ricostruire la nascita o il cambiamento di alcuni sistemi bellici basati in primo luogo sull’edificazione o riattivazione di strutture difensive collegate fra loro sotto il comando dell’Isola Comacina.
7. Ciclo di Studi Medievali: atti del convegno
Lesmo (MB)
Eta Beta-ps
979-12-5968-187-4
Colagrande, Andrea
La militarizzazione del Lario Occidentale nel XII secolo: l’Isola Comacina e le relative strutture difensive durante la Guerra Decennale (1118-1127) / Colagrande, Andrea. - (2021), pp. 334-339. ((Intervento presentato al convegno VII Ciclo di Studi Medievali tenutosi a Firenze nel 7-10 giugno 2021.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Nume 2021.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (Publisher’s layout)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 1.12 MB
Formato Adobe PDF
1.12 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11572/322355
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact