L’utente che non c’è: lavoro di rete ed empowerment nei servizi alla persona