Il caso di Marco, 'minore a rischio': il lavoro di rete dentro (e fuori) la Scuola