La sentenza n. 303 del 2003 e il problema della leale collaborazione