Signorie cittadine, vescovi e diocesi nel Veneto. L'esempio scaligero