Qualche osservazione sul patrimonio artistico del Museo Archeologico della Valle Sabbia