Per un'estetica del movimento: Sartre e il postmoderno