Gli spazi di lavoro nelle città tra innovazioni tecnologiche e “regression” interpretative