Sul ruolo del Papato e della Chiesa nel “gran disegno” di Rosmini del 1848