Le bugie della parola: il giovane Borges e il barocco