Flaubert, le Parche e il filo del romanzo