Il paradosso della legge n. 40, fra incongruenze e difficile modificabilità