Le statue stele di Vezzano (BZ), identificate come Vezzano 1 e Vezzano 2 nell’autunno del 2013, rappresentano le più recenti scoperte attribuibili al gruppo delle stele atesine diffuso in Trenti¬no- Alto Adige durante l’età del Rame e costituito attualmente da 22 esemplari (fig. 1). Il punto di ritrovamento dei monumenti di Vezzano (fig. 2) dista solo 5 km da quello della stele di Laces e ca. 20 km da quello di Lagundo/Algund1. La loro scoperta offre nuove prospettive di studio ed elementi utili ad aggiornare le caratteristiche dei monumenti atesini e approfondire il loro significato. Tali monumenti presentano particolarità che aggiungono dettagli ignoti nel repertorio delle statue-stele atesine e documentano codici di rappresentazione iconografica leggermente diversificati da quelli appena descritti. La stele di Vezzano 1 è attribuibile al tipo maschile.La stele Vezzano 2, documenta per la prima volta nel gruppo atesino la rappresentazione di almeno due personaggi ottenuta attraverso una rotazione del monumento di 180°. Attesta dunque la volontà di trasformare il soggetto rappresentato in un altro personaggio, pratica ben attestata nei gruppi delle statue-stele francesi e nel gruppo della Valcamonica. Nella maggior parte dei casi riguarda una trasformazione di genere. Per questo motivo viene avanzata la proposta di attribuire la stele Vezzano 2 alla categoria dei monumenti trasformati. La stele di Vezzano dimostra che la definizione di genere sia più problematica di quanto finora ritenuto.

Due nuove statue-stele da Vezzano, comune di Silandro (Val Venosta, BZ): primi dati sull'uso della trasformazione e reimpiego dei monumenti del gruppo atesino / Pedrotti, Annaluisa; Steiner, Hubert. - (2014), pp. 111-126. ((Intervento presentato al convegno Le manifestazioni del sacro e l'età del Rame nella regione alpina e nella pianura padana tenutosi a Brescia nel 23-24 maggio 2014.

Due nuove statue-stele da Vezzano, comune di Silandro (Val Venosta, BZ): primi dati sull'uso della trasformazione e reimpiego dei monumenti del gruppo atesino

Pedrotti, Annaluisa;
2014

Abstract

Le statue stele di Vezzano (BZ), identificate come Vezzano 1 e Vezzano 2 nell’autunno del 2013, rappresentano le più recenti scoperte attribuibili al gruppo delle stele atesine diffuso in Trenti¬no- Alto Adige durante l’età del Rame e costituito attualmente da 22 esemplari (fig. 1). Il punto di ritrovamento dei monumenti di Vezzano (fig. 2) dista solo 5 km da quello della stele di Laces e ca. 20 km da quello di Lagundo/Algund1. La loro scoperta offre nuove prospettive di studio ed elementi utili ad aggiornare le caratteristiche dei monumenti atesini e approfondire il loro significato. Tali monumenti presentano particolarità che aggiungono dettagli ignoti nel repertorio delle statue-stele atesine e documentano codici di rappresentazione iconografica leggermente diversificati da quelli appena descritti. La stele di Vezzano 1 è attribuibile al tipo maschile.La stele Vezzano 2, documenta per la prima volta nel gruppo atesino la rappresentazione di almeno due personaggi ottenuta attraverso una rotazione del monumento di 180°. Attesta dunque la volontà di trasformare il soggetto rappresentato in un altro personaggio, pratica ben attestata nei gruppi delle statue-stele francesi e nel gruppo della Valcamonica. Nella maggior parte dei casi riguarda una trasformazione di genere. Per questo motivo viene avanzata la proposta di attribuire la stele Vezzano 2 alla categoria dei monumenti trasformati. La stele di Vezzano dimostra che la definizione di genere sia più problematica di quanto finora ritenuto.
Le manifestazioni del sacro e L'età del Rame nella regione alpina e nella pianura padana. Studi in memoria di Angelo Rampinelli Rota
Nuvolera (Brescia)
Euroteam
978-88-907351-3-4
Pedrotti, Annaluisa; Steiner, Hubert
Due nuove statue-stele da Vezzano, comune di Silandro (Val Venosta, BZ): primi dati sull'uso della trasformazione e reimpiego dei monumenti del gruppo atesino / Pedrotti, Annaluisa; Steiner, Hubert. - (2014), pp. 111-126. ((Intervento presentato al convegno Le manifestazioni del sacro e l'età del Rame nella regione alpina e nella pianura padana tenutosi a Brescia nel 23-24 maggio 2014.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Pedrotti_Steiner_ 2014 CAP 4-111-126 .pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (Publisher’s layout)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 2.1 MB
Formato Adobe PDF
2.1 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11572/263135
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact