'The rape of life and beauty': Ottilie, un'ambigua confessione