Verso una logica del contesto: il problema dell'indicalità