L’involontarietà socratica del male e il macigno della responsabilità platonica. Tra il Protagora e il mito di Er