La Straniera, quarta opera di Vincenzo Bellini, fu rappresentata per la prima volta al Teatro alla Scala di Milano il 14 febbraio 1829 e ripresa nello stesso teatro il 13 gennaio 1830. Per la ripresa scaligera Bellini accomodò la parte di Arturo per Giovanni Battista Rubini, la cui tessitura era molto più acuta di quella del primo tenore, Domenico Reina. Il compositore intervenne sui recitativi e su alcuni pezzi d’assieme, ma soprattutto sul N. 8 Scena e Duetto Arturo e Valdeburgo (Atto II), trasportando alcune delle sezioni destinate al tenore. La nuova Edizione critica pubblica entrambe le versioni, consentendo quindi di eseguire una revisione dell’opera che, limitatamente alla parte di Arturo, risulta per molti aspetti più accurata della prima stesura anziché un suo semplice adattamento. Rispetto all’edizione Ricordi precedentemente in uso, l’indagine sulle fonti ha consentito di dirimere alcune questioni relative alle particolarità delle indicazioni di fraseggio adottate nella Straniera, strettamente legate a specifiche scelte stilistiche. La nuova Edizione critica si basa principalmente sulla partitura autografa conservata all’Archivio Storico Ricordi, sul libretto della prima rappresentazione e su una copia con annotazioni autografe conservata presso la Biblioteca del Conservatorio di musica “Giuseppe Verdi” di Milano, sulla quale Bellini apportò le modifiche per Rubini per la ripresa di gennaio 1830. Una fonte custodita al Museo Civico Belliniano di Catania consente di risalire alla prima versione della cabaletta dell’aria di Alaïde nel N. 11 (Finale secondo), modificata da Bellini dopo la prima rappresentazione. L’Edizione comprende due volumi di partitura. Il volume I, corrispondente all'Atto I, contiene l’Introduzione (76 pp.); essa presenta una dettagliata ricostruzione della genesi e delle prime rappresentazioni, nonché della ricezione dell’opera, che dimostra che fino alla morte di Bellini La Straniera ebbe enorme notorietà grazie al suo carattere fortemente innovativo. L'Introduzione contiene inoltre l'edizione del libretto, una sezione dedicata alle fonti e una sui problemi redazionali ed esecutivi dell'edizione.

Vincenzo Bellini, La Straniera: melodramma in due atti / Uvietta, Marco. - STAMPA. - 4.1-2 e Apparati:(2019), p. LXXIII, 326; VII, 286; 228.

Vincenzo Bellini, La Straniera: melodramma in due atti

Marco Uvietta
2019

Abstract

La Straniera, quarta opera di Vincenzo Bellini, fu rappresentata per la prima volta al Teatro alla Scala di Milano il 14 febbraio 1829 e ripresa nello stesso teatro il 13 gennaio 1830. Per la ripresa scaligera Bellini accomodò la parte di Arturo per Giovanni Battista Rubini, la cui tessitura era molto più acuta di quella del primo tenore, Domenico Reina. Il compositore intervenne sui recitativi e su alcuni pezzi d’assieme, ma soprattutto sul N. 8 Scena e Duetto Arturo e Valdeburgo (Atto II), trasportando alcune delle sezioni destinate al tenore. La nuova Edizione critica pubblica entrambe le versioni, consentendo quindi di eseguire una revisione dell’opera che, limitatamente alla parte di Arturo, risulta per molti aspetti più accurata della prima stesura anziché un suo semplice adattamento. Rispetto all’edizione Ricordi precedentemente in uso, l’indagine sulle fonti ha consentito di dirimere alcune questioni relative alle particolarità delle indicazioni di fraseggio adottate nella Straniera, strettamente legate a specifiche scelte stilistiche. La nuova Edizione critica si basa principalmente sulla partitura autografa conservata all’Archivio Storico Ricordi, sul libretto della prima rappresentazione e su una copia con annotazioni autografe conservata presso la Biblioteca del Conservatorio di musica “Giuseppe Verdi” di Milano, sulla quale Bellini apportò le modifiche per Rubini per la ripresa di gennaio 1830. Una fonte custodita al Museo Civico Belliniano di Catania consente di risalire alla prima versione della cabaletta dell’aria di Alaïde nel N. 11 (Finale secondo), modificata da Bellini dopo la prima rappresentazione. L’Edizione comprende due volumi di partitura. Il volume I, corrispondente all'Atto I, contiene l’Introduzione (76 pp.); essa presenta una dettagliata ricostruzione della genesi e delle prime rappresentazioni, nonché della ricezione dell’opera, che dimostra che fino alla morte di Bellini La Straniera ebbe enorme notorietà grazie al suo carattere fortemente innovativo. L'Introduzione contiene inoltre l'edizione del libretto, una sezione dedicata alle fonti e una sui problemi redazionali ed esecutivi dell'edizione.
Bellini, Vincenzo; [libretto di] Felice Romani
La Straniera: melodramma in due atti
Milano
Ricordi
978-88-8192-055-6
Vincenzo Bellini, La Straniera: melodramma in due atti / Uvietta, Marco. - STAMPA. - 4.1-2 e Apparati:(2019), p. LXXIII, 326; VII, 286; 228.
Uvietta, Marco
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
La Straniera Volume I_1-55.pdf

Solo gestori archivio

Descrizione: Volume I dell'edizione critica de La Straniera di Vincenzo Bellini contenente 76 pp. di Introduzione e 326 pp. di partitura
Tipologia: Versione editoriale (Publisher’s layout)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 8.27 MB
Formato Adobe PDF
8.27 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
La Straniera Volume I_56-402.pdf

Solo gestori archivio

Descrizione: Volume I dell'edizione critica de La Straniera di Vincenzo Bellini contenente 76 pp. di Introduzione e 326 pp. di partitura
Tipologia: Versione editoriale (Publisher’s layout)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 6.35 MB
Formato Adobe PDF
6.35 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
La Straniera Volume II.pdf

Solo gestori archivio

Descrizione: Volume II dell'edizione critica de La Straniera di Vincenzo Bellini contenente pp. 326-613 della partitura
Tipologia: Versione editoriale (Publisher’s layout)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 2.81 MB
Formato Adobe PDF
2.81 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
La straniera Volume CC.pdf

Solo gestori archivio

Descrizione: Volume di Apparati dell'edizione critica de La Straniera di Vincenzo Bellini
Tipologia: Versione editoriale (Publisher’s layout)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 3.46 MB
Formato Adobe PDF
3.46 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11572/249418
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact