«Una volta il futuro era migliore...»: Utopia e l’ottativo della storia