Gli "ultimi uomini". Su una categoria nietzscheana nella teoria della storia di Max Weber