Nella Philosophie der Natur di Nicolai Hartmann (1882-1950), la natura è un processo unitario che si snoda nel tempo. Al suo interno, innumerevoli sotto-processi si dipanano, si modificano, si influenzano a vicenda. In questa incessante trasformazione, i singoli enti si danno una e una sola volta, con tratti di radicale contingenza, e contendono gli uni con gli altri per durare nel processo – per continuare, scrive Hartmann, a far parte del cerchio del possibile. Elementi inorganici, sistemi atomici e planetari, specie biologiche e organismi, esseri umani (di volta in volta intesi come centri psichici, soggetti conoscenti e persone), tendenze storiche e istituzioni: a seconda dello strato ontologico a cui appartengono, le entità reali dispiegano varie strategie di permanenza. Tra queste ultime spicca per Hartmann la dinamica della Konsistenz, ovvero il processo di attivo mantenimento e ripresa della propria identità da parte dell’Io e della persona morale. In questo punto del pensiero hartmanniano, ontologia naturale e riflessione etica convergono. La stabilità della persona (nel tempo, ma anche contro le modificazioni psichiche del soggetto) è infatti il presupposto della realizzazione concreta dei valori morali, che in quanto enti ideali sono estranei alla natura ma di cui l’essere umano, nella sua libertà, coglie pienamente la valenza obbligante.

Il cerchio del possibile. Identità, organismo e persona nella "Philosophie der Natur" di Nicolai Hartmann / Brentari, Carlo. - STAMPA. - XXVII:(2019), pp. 01-332.

Il cerchio del possibile. Identità, organismo e persona nella "Philosophie der Natur" di Nicolai Hartmann

Brentari, Carlo
2019

Abstract

Nella Philosophie der Natur di Nicolai Hartmann (1882-1950), la natura è un processo unitario che si snoda nel tempo. Al suo interno, innumerevoli sotto-processi si dipanano, si modificano, si influenzano a vicenda. In questa incessante trasformazione, i singoli enti si danno una e una sola volta, con tratti di radicale contingenza, e contendono gli uni con gli altri per durare nel processo – per continuare, scrive Hartmann, a far parte del cerchio del possibile. Elementi inorganici, sistemi atomici e planetari, specie biologiche e organismi, esseri umani (di volta in volta intesi come centri psichici, soggetti conoscenti e persone), tendenze storiche e istituzioni: a seconda dello strato ontologico a cui appartengono, le entità reali dispiegano varie strategie di permanenza. Tra queste ultime spicca per Hartmann la dinamica della Konsistenz, ovvero il processo di attivo mantenimento e ripresa della propria identità da parte dell’Io e della persona morale. In questo punto del pensiero hartmanniano, ontologia naturale e riflessione etica convergono. La stabilità della persona (nel tempo, ma anche contro le modificazioni psichiche del soggetto) è infatti il presupposto della realizzazione concreta dei valori morali, che in quanto enti ideali sono estranei alla natura ma di cui l’essere umano, nella sua libertà, coglie pienamente la valenza obbligante.
Napoli-Salerno
Orthotes
978-88-9314-226-7
Brentari, Carlo
Il cerchio del possibile. Identità, organismo e persona nella "Philosophie der Natur" di Nicolai Hartmann / Brentari, Carlo. - STAMPA. - XXVII:(2019), pp. 01-332.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Il cerchio del possibile_Brentari.pdf

Solo gestori archivio

Descrizione: pdf
Tipologia: Versione editoriale (Publisher’s layout)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 895.22 kB
Formato Adobe PDF
895.22 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11572/246562
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact