Eusebio di Vercelli e Massimo di Torino: tra storia e agiografia