Il regime patrimoniale? Una scelta di genere