In margine alla traduzione di «Susan Lenox» di Juan Eduardo Cirlot