Il pubblico dei legisti trecenteschi: i 'lettori' di Bartolo