Nascita e ontologia della relazione: una deposizione dell'autonomia del soggetto?