Cioran, Saturno e la Repubblica dei futili