Cioran, Fondane e Qohélet: le rivelazioni di una domenica