577. I Longobardi nel Campo Rotaliano