Il puro neutro: per un teatro senza qualità?