Il saggio analizza un testo cruciale della storia dell'arte italiana del Novecento: quello con il quale Germano Celant lanciò un movimento artistico, chiamato "Arte Povera", che cercava di solidarizzare con la protesta studentesca del Sessantotto. Alla luce delle fonti ideologiche di Celant, il saggio tenta una comprensione degli aspetti rivoluzionari di questo testo e delle ragioni della sua inefficacia politica.

Controstrategie e miti rivoluzionari: note su un testo fondativo dell'Arte Povera / Viva, Denis. - STAMPA. - 6:(2018), pp. 205-223.

Controstrategie e miti rivoluzionari: note su un testo fondativo dell'Arte Povera

Viva, Denis
2018

Abstract

Il saggio analizza un testo cruciale della storia dell'arte italiana del Novecento: quello con il quale Germano Celant lanciò un movimento artistico, chiamato "Arte Povera", che cercava di solidarizzare con la protesta studentesca del Sessantotto. Alla luce delle fonti ideologiche di Celant, il saggio tenta una comprensione degli aspetti rivoluzionari di questo testo e delle ragioni della sua inefficacia politica.
Rivoluzioni: aspetti del pensiero del Novecento
Pisa
Edizioni ETS
9788846752956
Viva, Denis
Controstrategie e miti rivoluzionari: note su un testo fondativo dell'Arte Povera / Viva, Denis. - STAMPA. - 6:(2018), pp. 205-223.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Rivoluzioni.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (Publisher’s layout)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 3.1 MB
Formato Adobe PDF
3.1 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11572/227627
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact