Tra diritto e letteratura nel nome di Dante