I turisti 'consumano' i luoghi?