Il sanatorio e l'individuo speciale: la tisi come mal gentile