«(…) Nel presentare la mia traduzione italiana di Caleidoscopio non posso fare a meno di notare innanzitutto che lo scenario in cui si sviluppa il suo percorso conoscitivo è particolarmente consono al lettore italiano. L’ambiente fiorentino, alternato a quello spagnolo, è un bell’esempio di una perfetta compenetrazione del dato culturale e quello autobiografico nell’evento poetico, che trovano nell’esperienza del linguaggio la loro espressione. Tuttavia in Micó non avvertiamo alcuna impostazione “culturalista”… Caleidoscopio, come suggerisce il titolo stesso, nonostante la presenza di elementi “culturali”, non nasce da una percezione erudita o estetizzante della realtà, perché la sua prospettiva conoscitiva è, in definitiva, quella dell’uomo nudo di fronte alla realtà che gli si svela nella reciproca assenza di un progetto e nell’imprevedibile esperienza della parola. Nella percezione del poeta c’è una toccante solitudine che chiede subito al lettore una qualche condivisione. E non potrebbe essere diversamente per un io lirico che da sempre segue un cammino così intimo, ma al tempo stesso così esposto, direi quasi senza riserve e senza limiti prospettici, agli elementi essenziali della natura, all’esperienza umana di ogni tempo e all’avventura della parola…»

José María Micó, Caleidoscopio / Taravacci, Pietro. - STAMPA. - (2018).

José María Micó, Caleidoscopio

Pietro Taravacci
2018-01-01

Abstract

«(…) Nel presentare la mia traduzione italiana di Caleidoscopio non posso fare a meno di notare innanzitutto che lo scenario in cui si sviluppa il suo percorso conoscitivo è particolarmente consono al lettore italiano. L’ambiente fiorentino, alternato a quello spagnolo, è un bell’esempio di una perfetta compenetrazione del dato culturale e quello autobiografico nell’evento poetico, che trovano nell’esperienza del linguaggio la loro espressione. Tuttavia in Micó non avvertiamo alcuna impostazione “culturalista”… Caleidoscopio, come suggerisce il titolo stesso, nonostante la presenza di elementi “culturali”, non nasce da una percezione erudita o estetizzante della realtà, perché la sua prospettiva conoscitiva è, in definitiva, quella dell’uomo nudo di fronte alla realtà che gli si svela nella reciproca assenza di un progetto e nell’imprevedibile esperienza della parola. Nella percezione del poeta c’è una toccante solitudine che chiede subito al lettore una qualche condivisione. E non potrebbe essere diversamente per un io lirico che da sempre segue un cammino così intimo, ma al tempo stesso così esposto, direi quasi senza riserve e senza limiti prospettici, agli elementi essenziali della natura, all’esperienza umana di ogni tempo e all’avventura della parola…»
2018
Bagno a Ripoli, Firenze
Passigli
9788836816163
José María Micó, Caleidoscopio / Taravacci, Pietro. - STAMPA. - (2018).
Taravacci, Pietro
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Caleidoscopio.Def.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (Publisher’s layout)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 190.58 kB
Formato Adobe PDF
190.58 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11572/214658
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact