Gli antichisti italiani e la Grande Guerra