La comparazione giuridica italiana ha esaurito la sua spinta propulsiva?