Tra "miseria" e "dignitas": immagini della follia da Alberti a Voltaire