Serenità greca e décadence: Socrate, Bizet e i buoni europei