L'intellettuale come attore politico: Carlo Schmid e la Germania dopo il 1945