L'utopia della lingua universale come monito per gli studi linguistici: Wilhelm von Humboldt e Walter Benjamin.