La difficile “classificazione” dei migranti