Alla scuola di Broch: la polifonia come forma romanzesca delle coincidenze